Le piante lungo il sentiero nel bosco : La rosa

Lo sciroppo di rose

Lo so era maggio il mese delle rose ma quest’anno sembra tutto un po in anticipo e quindi anche io mi adatto ai cambiamenti anche perché andare contro corrente  molte volte ci fa sprecare tante energie inutilmente

Questo sciroppo viene dalla regina dei fiori , possibilmente del vostro giardino o in una zona non inquinata , anche perchè cosi sarete sicure che non sono stati usati trattamenti insetticidi o altro al massimo avrete aggiunto alla terra i fondi di caffè che dicono faccia bene…. ma sarà ??

Lo sciroppo alle rose bevuto caldo d’ inverno serve a curare la bronchite e d’ estate allungato

con acqua fresca e ghiaccio tritato  1/3 , succo di pompelmo 2/3 , sciroppo 1/3

e decorato con qualche petalo di rosa non solo si assapora ma il suo profumo inebriante non può essere ignorato mentre si beve
Altre preparazioni hanno alla base lo sciroppo di rose , come il Rosolio ricordate?? oppure lo potete usare per profumare i vostri dolci o le creme , per fare le bagne delle torte e tanto ancora …..

ingredienti

  • 300 gr petali di rose
  • 1500 gr zucchero semolato
  • 1 litro di acqua minerale
  • 2 limoni bio

 

preparazione

Si prendono i petali di rose profumate e anche di diversi colori,  possibilmente raccolti al mattino , non si lavano ma si passano con una pezzuola umida , si mettono in fusione nell’ acqua bollente , coprire  tutta la superficie con le fette di limone e lasciare riposare per 24 ore
Filtriamo bene il liquido con una garza a trama fitta e strizziamo per prendere tutto il succo Aggiungiamo lo zucchero e portiamo a ebolizione piano piano per circa 30 minuti togliendo lo zucchero che cristallizza con un pennello bagnato
Quando è freddo travasiamo nei vasetti che chiuderemo però il giorno dopo
Per la sicurezza della conservazione consiglio di fare ai contenitori un bagno maria di almeno 15 min . Anche qui una volta raffreddati dentro l’acqua riponeteli in dispensa e vi dureranno per molto tempo
Cercate di confezionare dei vasetti non troppo grandi in modo che non avanzi dello sciroppo che deperirebbe velocemente non avendo conservanti

 

 

 

 

 

Sharing is caring!

Comments: 1

  1. Ho già voglia di assaggiarlo!!!! Mi ricorda anche quello meraviglioso di fiori sambuco che avevi fatto l'anno scorso!!! Un bacione!!! Maria Grazia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *