Le Sfrappole di carnevale

Chiacchere o sfrappole

Allora continuiamo a farci del male , ma solo per il breve periodo di carnevale ; anzi i nutrizionisti dicono che mangiare il fritto ogni tanto darebbe una sferzata al metabolismo e quindi non è poi così da evitare assolutamente se preso a piccole dosi , come del resto tutti i cibi ; Ho preso questa ricetta dal mio vecchio Artusi del 1973 , un nome una garanzia e devo dire che non mi ha delusa . A Bologna si chiamano sfrappole e sono così leggere e friabili che come le ciliegie , una tira l’altra ma sono veramente un dolce italiano , cambia solo il nome ; crostoli , cenci , chicchere ……;

Ingredienti

  • farina 240 g
  • 2 uova
  • zucchero 20 g
  • burro 20 g
  • acquavite o grappa o altro liquore 1 cucchiaio abbondante
  • sale un pizzico
Preparazione
Mettere la farina sulla spianatoia e formare una fontana dove mettere gli altri ingredienti compreso il burro ammorbidito
Impastare bene e formare un panetto da lasciare riposare 10/15 poi tirare una sfoglia sottilissima quasi trasparente , quindi se con il matterello sappiamo di non riuscire usiamo pure la nonna papera senza problemi . Tagliamo la pasta a quadrati o a strisce poi annodate  .
Friggiamo in abbondante olio a temperatura , una volta raffreddate cospargere di zucchero a velo e golosità assoluta spruzzare con il liquore rosso Alkermes

Sharing is caring!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *